martedì 11 dicembre 2018

Parrocchia "Maria SS. del Rosario"

Cosentini - Santa Venerina (CT)

VADEMECUM PER GLI SPOSI

Adempimenti preliminari all’avvio dell’istruttoria matrimoniale canonica con effetti civili

 

«Ai nostri giorni è più che mai necessaria l’assistenza ai giovani nella preparazione al matrimonio e alla vita familiare. Questa assistenza non può essere limitata all’espletamento delle pratiche per la celebrazione matrimoniale, ma deve abbracciare le diverse fasi della vita dell’uomo e della donna, affinché prendano coscienza dei valori e degli impegni propri della vocazione al matrimonio cristiano […].  La preparazione remota, prossima e immediata al matrimonio è regolata, nel quadro del diritto universale, dalle disposizioni attuative date dalla Conferenza Episcopale Italiana e da quelle proprie delle Chiese particolari in materia di pastorale prematrimoniale.
Al fine di promuovere una prassi comune, per la preparazione prossima e immediata al matrimonio siano accolte in ogni programma diocesano le seguenti indicazioni:

  1. Coinvolgimento della comunità e, in particolare, degli operatori di pastorale familiare in iniziative che dispongano i nubendi alla santità ai doveri del loro nuovo stato (cfr. can. 1063, n. 2);
  2. Colloqui con il parroco o con il sacerdote incaricato, “corsi per i fidanzati” e altre iniziative organiche per il cammino di fede dei nubendi attraverso l’approfondimento non solo dei valori umani della vita coniugale e familiare ma anche dei valori propri del sacramento e della famiglia cristiana, con gli impegni che ne derivano;
  3. Tempo di preparazione immediata normalmente non inferiore a tre mesi;
  4. Incontri personali dei nubendi con il parroco per lo svolgimento dell’istruttoria matrimoniale e per la preparazione a una consapevole e fruttuosa celebrazione della liturgia delle nozze» (cfr. DGMC 2-3)

A chi bisogna rivolgersi per iniziare la pratica matrimoniale?

«L’istruttoria matrimoniale comprende alcuni adempimenti, da premettere alla celebrazione del matrimonio, ordinati ad accertare che nulla si oppone alla sua valida, lecita e fruttuosa celebrazione, verificando nei nubendi, in particolare, la libertà di stato, l’assenza di impedimenti e l’integrità del consenso (cfr can. 1066). Questi adempimenti sono affidati di norma, a libera scelta dei nubendi, al parroco della parrocchia dove l’uno o l’altro dei medesimi ha il domicilio canonico o il quasi domicilio o la dimora protratta per un mese.

Le prescrizioni canoniche riguardanti l’istruttoria comprendono: la verifica dei documenti; l’esame dei nubendi circa la libertà del consenso e la non esclusione della natura, dei fini e delle proprietà essenziali del matrimonio; la cura delle pubblicazioni; la domanda all’Ordinario del luogo di dispensa da eventuali impedimenti o di licenza alla celebrazione nei casi previsti dal codice di diritto canonico, dal presente decreto o dal diritto particolare» (DGMC 4-5).

 

Quali sono i documenti?

Documentazione canonica: Certificato di Battesimo, certificato di Cresima, certificato di Stato libero (quando è richiesto).

Documentazione civile:Certificato contestuale (detto anche cumulativo), certificato di morte del coniuge (per le persone vedove ed altri secondo i singolari casi).

Questi documenti, prodotti per entrambi i coniugi, dovranno essere consegnati al parroco che potrà così iniziare l’istruttoria matrimoniale.

«Il certificato di battesimo deve avere data non anteriore a sei mesi. Esso deve riportare soltanto il nome e il cognome, il luogo e la data di nascita del soggetto, l’indicazione del luogo e della data del battesimo e, se ricevuta, della confermazione. Le annotazioni rilevanti al fine della valida o lecita celebrazione del matrimonio e quelle relative all’adozione, eventualmente contenute nell’atto di battesimo, devono essere trasmesse d’ufficio e in busta chiusa al parroco che conduce l’istruttoria. I pastori d’anime siano solleciti nell’esortare i nubendi che non hanno ancora ricevuto il sacramento della confermazione a riceverlo prima del matrimonio se ciò è possibile senza grave incomodo (cfr can. 1065, par. 1)» (cfr. DGMC 7-8).

 

Consegna del fascicolo matrimoniale in Curia

Espletati tutti gli atti concernenti il procedimento, il parroco, che ha condotto l’istruttoria matrimoniale, attraverso un particolare modulo “riassume” la posizione dei futuri sposi indicando altresì il luogo di svolgimento della celebrazione del matrimonio. Il fascicolo di matrimonio unitamente al modulo riassuntivo dovrà essere chiuso e sigillato in una busta e consegnato dagli stessi sposi agli uffici della cancelleria vescovile, in particolare all’ufficio matrimoni che, dopo aver controllato l’idoneità della documentazione contenuta nel fascicolo rilascerà il Nulla Osta finale per la celebrazione del matrimonio. 

Cerca...

Agenda del Parroco

siti cattolici

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie: continuando nella navigazione, acconsenti al loro utilizzo.